Scultura - GAMeC CentroArteModerna di Pisa - Show Room / Spazio Espositivo

Quanto sei disposto a spendere per un opera che ti piace?
sotto i 500 euro
tra i 500 e 999 euro
tra i 1000 e 1999 euro
da 2000 a 2999 euro
non ho limiti
GAMeC sui
Social Networks
Visitatori

Scultura

  • Pagine: 1
  • Bolliger Maura - Verso il sole - Mosaico f.to 40x40 cm - 2002

    Scultura|Artisti stranieri

    Maura Bolliger (Svizzera) ha iniziato a lavorare con il mosaico nel 1995, dopo una vita passata a disegnare, dipingere e fare sculture, quasi per caso, mentre progettava la sua casa.
    Voleva una sala da bagno dove fosse possibile immergersi in calde acque oceaniche e gelidi ruscelli di montagna. Ma mancava il cielo. Ecco così creato il suo primo mosaico.
    Valore:300.00EUR
  • Costanzo Maria Cristina - Falsi pudori - terracotta dipinta - altezza 45 cm - 2008

    Scultura|Artisti Italiani

    Cristina Costanzo nasce a Piacenza nel 1970. Dopo gli studi classici si diploma al liceo artistico e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera frequentando con ottimi risultati i corsi di scultura del professore Nino Cassani.
    Valore:320.00»180.00EUR
  • Di Cocco Siberiana - Femminino in bianco - 50x50cm - T. mista - 2015

    Artisti Italiani|Pittura|Scultura

    Nasce e vive a Pisa  Con i genitori, durante l’infanzia, condivide l’abitazione dei nonni in una fattoria della campagna toscana.Il rapporto con la natura e la cultura contadina segneranno la sua infanzia: profumi, odori, giochi, lavori stagionali costituiranno patrimonio di sensibilità a cui attingere nel corso degli anni, talvolta fonte di riequilibrio alle fatiche esistenziali.
    Ma anche patrimonio fondante per una sensibilità alle condizioni sociali che la porteranno per diversi anni ad un impegno diretto in organizzazioni civili e politiche, impegno in cui si mischiano aspirazioni alla giustizia sociale, desideri di emancipazione al femminile, desiderio di conoscenza su “come funziona il mondo”.
    Durante il percorso scolastico apprende le tecniche della tempera ad acqua e del chiaroscuro sotto la guida del Prof. Carmignani : una sua pittura a tempera “Vaso con fiori” viene scelto a rappresentare la Scuola media Carducci in una collettiva presso la provincia di Livorno
    Condizioni ambientali e culturali determineranno un percorso formativo e professionale nell’ambito scientifico e medico che, insieme alla formazione di una famiglia ed alla crescita di un figlio, le consentiranno per molti anni di circoscrivere le esigenze artistiche alla fruizione di opere d’arte attraverso frequentazione di mostre, musei, avvenimenti culturali.
    In questi anni riesce anche a seguire un corso universitario di Storia dell’arte medievale durante il quale incontra le sculture di Wiligelmo che “germineranno” negli anni successivi nella scelta della ceramica come tecnica con cui riprendere il percorso artistico.
    Il desiderio di esplorare il mondo la porta in America, in Africa, in Oriente ed il viaggio diventa scuola di vita, occasione di incontro con culture ed espressioni artistiche nuove: l’”estetica del vuoto” entrerà a far parte definitivamente del patrimonio culturale individuale.
    Questo vasto patrimonio di conoscenze arriva a coagularsi nella decisione di una formazione artistica specifica con cui realizzare idee e progetti personali che cominciano ad affacciarsi impellenti e che fanno anche intravedere la possibilità del superamento di una scissione culturale, a tratti dolorosa, tra la dimensione razionale e quella corporea, propria della cultura occidentale.
    Lezioni private presso il Prof. Otello Pucci, noto ceramista pisano, confermano capacità manuali e possibilità creative che incoraggiano alla frequentazione di un corso professionale.
    Nel 1990 consegue il Diploma professionale di “Maestro in tecniche ceramiche “ presso lo Studio Giambo di Firenze divenendo esperta nelle tecniche imprunetine ; la tesi di Storia della ceramica toscana è occasione di incontro con la produzione ceramica moderna di Giò Ponti che apre la porta alla conoscenza del Design e la contagia definitivamente con “la malattia del coccio”: con la realizzazione di oggetti originali in ceramica e vetro si inserisce nell’attività espositiva in eventi d’arte in Italia e all’estero.
    Finchè la ceramica diviene “un abito troppo stretto” per le sue esigenze creative: si arriva quindi in anni recenti alla realizzazione di opere con uso di materiali vari (stoffe, resine, siliconi, cineserie…) anzi la ricerca del materiale “adatto” ad esprimere un contenuto diviene momento fondante della sua attività creativa e sperimentazione materica che ulteriormente vitalizza ed acuisce la percezione sensoriale del fruitore oltre la dimensione visiva.
    Con una di queste opere vince il 1° Premio al Concorso “Un gonfalone per l’arte” indetto dal Comune di Firenze.
    Valore:450.00EUR
  • Galiardi Giovanni - Impronte della mia terra - Terracotta - 30x30cm - 2009

    Pittura|Scultura|Artisti Italiani

    Nato a Fano (PU) nel 1967. Dopo una breve frequentazione dell’Istituto d’Arte “Apolloni” di Fano, ha iniziato a frequentare lo studio dello scultore Padre Stefano Pigini di Cartoceto. Qui, partendo dall’imitazione dei classici, si è dedicato alla figura umana deformata e alla scoperta dell’informe e dell’organico; non solo attraverso la scultura e la pittura ma anche attraverso la creazione di oggetti d’arredamento nati dalla fusione tra scultura e design. Nell’ambito della produzione scultorea ha avuto diversi incarichi sia pubblici che privati, in particolare per opere di arte sacra.
    Valore:200.00EUR
  • Galiardi Giovanni - Impronte della mia terra - Terracotta - 30x30cm - 2009

    Pittura|Scultura|Artisti Italiani

    Nato a Fano (PU) nel 1967. Dopo una breve frequentazione dell’Istituto d’Arte “Apolloni” di Fano, ha iniziato a frequentare lo studio dello scultore Padre Stefano Pigini di Cartoceto. Qui, partendo dall’imitazione dei classici, si è dedicato alla figura umana deformata e alla scoperta dell’informe e dell’organico; non solo attraverso la scultura e la pittura ma anche attraverso la creazione di oggetti d’arredamento nati dalla fusione tra scultura e design. Nell’ambito della produzione scultorea ha avuto diversi incarichi sia pubblici che privati, in particolare per opere di arte sacra.
    Valore:200.00EUR
  • Martin Mauro - Composizione Arcaica - Multiplo n.04/08 - Assemblaggio di materiali vari - f.to 40x60 cm - 2007

    Pittura|Scultura|Artisti Italiani

    Mauro Martin nasce a Pinerolo, frequenta il Liceo Artistico e il Politecnico di Torino dove consegue la laurea in Architettura. Parallelamente al corso di studi, frequenta l'atèlier di Raffaele Ponte Corvo, noto pittore surrealista torinese e stringe legami con il mondo artistico veneziano.
    Valore:1200.00EUR
  • Romero Loredana RUGGINE 7 Tecnica Mista / Ferro / Gas Beton / Collage / Ossidi - 2011 - cm 46x17

    Pittura|Scultura|Artisti Italiani

    Nata a Torino l'undici maggio 1961. I suoi percorsi di studio, diametralmente opposti all'arte, sono stati parallelamente seguiti con insegnanti che le hanno, nel corso degli anni, fatto approfondire le varie tecniche pittoriche.
    I suoi percorsi di studio, diametralmente opposti all'arte, sono stati parallelamente seguiti con insegnanti che le hanno, nel corso degli anni, fatto approfondire le varie tecniche pittoriche. Partendo dal disegno, con i chiaroscuri passando per l'olio, gli acrilici e terminando con circa dieci anni di acquarelli, presso un centro culturale e scuola di pittura.
    Valore:250.00EUR
  • Severino Federico - Piccolo Dio Etrusco - Terracotta dipinta - 2000

    Artisti Italiani|Scultura

    Federico Severino è nato a Brescia nel 1953. Vive e lavora in Franciacorta (Brescia). Personalità complessa ed eclettica, Federico Severino si rivolge con passione agli studi di filosofia fino alla laurea, maturando contemporaneamente i suoi studi artistici da autodidatta.
    Già nel 1974 si propone con una personale, recensita da Luciano Spiazzi ed Elvira Cassa Salvi, in cui affiorano i temi inquietanti e la straordinaria suggestione che caratterizzeranno la sua ricca produzione. Nel 1992 viene pubblicata la monografia a cura di Alberto Crespi e Fausto Lorenzi che documentano la produzione di Severino dal 1980 al 1992.
    La sua opera porta l'impronta di una fervida capacità inventiva sorretta da una cultura approfondita capace di equilibrare le forti tensioni che la sottendono. La sua iconologia, che si accompagna a figure del mito e a figure del sacro, ha instaurato tra reale e immaginario uno stretto dialogo che - sviluppato coerentemente lungo decenni - ha ormai assunto lessico e ritmi ben distinguibili nel panorama della migliore scultura contemporanea.
    L'attività artistica seguita attentamente dalla critica e dalla stampa nazionale ha dato anche ampio spazio alle tematiche del sacro con opere di grande impegno. Spazi pubblici, enti, collezioni d’arte pubbliche e private ospitano le sue opere. Sue opere sono in permanenza presso il CentroArteModerna di Pisa.
    Sulla sua opera hanno scritto: F. Abbiati, L. Anelli, R. Bossaglia, E. Cassa Salvi, A. Chiappani, M. Corradini, A. Crespi, F. De Santi, E. Fontana, Janus, L. Lazzari, F. Lorenzi, G. Mascherpa, G. Mazzariol, M. Mojana, T. Paloscia, F. Piovani, G. Selvaggi, L. Spiazzi, G. Stella, D. Tamagnini.

    Valore:2500.00»1400.00EUR
  • Pagine: 1